LA BELVA

LA BELVA

 

Dormiva da miliardi di anni

Con un occhio socchiuso

La pupilla trafitta

Da un raggio diafano

Intravide

Tra le sfumature ovattate di luce

Un universo che non ricordava

 

Globi iridescenti

Giranti come trottole

Suoni laceranti

Pensieri contrapposti

In continua lotta

Una coscienza collettiva

Di milioni di esseri brulicanti

 

Scrollo’ da dosso il suo torpore

E sorridendo sorniona

Si stiracchio’

Alla luce di un pallido raggio

Di sole autunnale

Felice di dar vita

Ad un inverno glaciale

 

E fu la guerra !

LA BELVAultima modifica: 2009-02-28T15:44:00+01:00da piramidex1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento