FERMATI

                                                                                 FERMATI                

Come una macchina

alchemica

elaboravi il tuo divenire,

gorgogliando distillavi

utopici sentimenti.

 

Cercavi affannosamente,

sbuffando  cloni fumogeni,

la tua essenza di vita.

 

Poi,dopo una eterna

distillazione,

sferragliando

come una locomotiva,

sei penetrata

in una realta’ non tua.

 

Hai svegliato la belva,

coi suoi sentimenti

ibernati,

che sonnecchiava in attesa

del suono delle trombe

di Gerico .

 

Il tuo assordante

rumore,

ha rivoltato

l’assonnato sito.

 

Ora ti si urla

di fermarti !

I colori dell’iride

illumineranno

le nostre visioni

e sull’arcobaleno

viaggeremo spediti

per bruciare

il futuro.

  

 

 

 

FERMATIultima modifica: 2009-03-15T23:01:00+01:00da piramidex1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento